Primo Piano, Senza categoria

Laboratorio di Improvvisazione Teatrale

“Clic! Cose che accadono a teatro” – DISCIPLINE(s)

Laboratorio di Improvvisazione Teatrale

A cura di Francesco Burroni, Silvia Priscilla Bruni, Paola Braccagni e Ugo Micheli

Dal 7 novembre ogni lunedì dalle 20.30 alle 22.30 nel Medialab del Teatro Politeama.

Lo stage si pone come obiettivo fondamentale quello di mostrare agli allievi attori la possibilità di un uso della tecnica di improvvisazione teatrale concepita non come momento di studio per una migliore definizione del testo o del personaggio, ma come momento finale e immediato di rappresentazione.

Nell’improvvisazione teatrale dal vivo, infatti, l’attore viene preparato a mettere in moto i propri meccanismi creativi contemporaneamente alla loro rappresentazione in pubblico.

Vengono cioè saltati tutti i passaggi classici del teatro tradizionale: scrittura – regia – prove – rappresentazione, e l’attore diviene al tempo stesso attore/autore/regista di se stesso e del gruppo con il quale lavora.

Attraverso l’esperienza dei match e di altri spettacoli d’improvvisazione teatrale si è svolta in Italia in questi ultimi venti anni un’intensa ricerca didattica che ha cercato di sistematizzare i meccanismi tecnico/espressivi che preparano l’attore ad accrescere e a organizzare le proprie capacità creative.

Non più, quindi, un concetto d’improvvisazione legato all’estro di un singolo attore con capacità di uscire e rientrare nel filo del proprio personale monologo, ma una ricerca che renda possibile la creazione immediata di una struttura teatrale con più attori e su diversi stili.

Un lavoro che ha come lontano e illustre parente la Commedia dell’Arte, con la difficoltà in più di non avere né personaggi predeterminati, né canovacci, né costumi, né scenografie, ma soltanto la propria fantasia e la propria tecnica attoriale.

Il percorso didattico che proponiamo si articola in tre fasi:

  • stimolo dei meccanismi creativi

Viene proposto un lavoro di ricerca e di stimolo dei processi creativi di ogni allievo in modo da spostare idealmente la propria condizione di attore e quella di autore/attore. 

  • creazione collettiva

In questa fase vengono analizzate le regole e i procedimenti che favoriscono l’improvvisazione tra due e più attori, l’ascolto e la disponibilità verso l’altro. 

  • creazione della struttura

Nella fase finale del lavoro le capacità creative individuali e la disponibilità verso gli altri attori vengono messe al servizio della creazione di una struttura globale, di uno sviluppo narrativo e drammaturgico dell’improvvisazione.

In quest’ultima fase l’attore non è più solo attore/autore/regista di se stesso ma indirizza questa funzione a tutto il gruppo.

Il programma di lavoro giornaliero è in linea di massima così strutturato:

  • esercizi di riscaldamento e di attenzione collettivi;
  • esercizi di tecnica individuale;
  • improvvisazione a due e a piccoli gruppi;
  • studio delle strutture dell’improvvisazione.

Il laboratorio è aperto a tutti

Per informazioni e iscrizioni

Francesco 338.5308293 – Silvia 347.9358872

Può anche interessarti...