Primo Piano, Senza categoria

Teatro a Merenda 2020

TEATRO A MERENDA 2020

XXV edizione

Rassegna di teatro per bambini e famiglie


SABATO 25 GENNAIO – ore 16.00  – Teatro Politeama Sala Maggiore Poggibonsi

Compagnia dei Somari/Aria Teatro

 

“IL PICCOLO CLOWN”

di Klaus Saccardo, Nicolò Saccardo e Natascia Belsito

con Klaus Saccardo e Nicolò Saccardo

Produzione Compagnia dei somari, ariaTeatro, Teatro delle Garberie

 Casa. Sai dov’è, quando ci sei. Ma a volte ti ritrovi un po’ lontano da casa, e puoi aver bisogno di un piccolo aiuto, per cercare la via di ritorno. “

Un piccolo clown si ritrova un giorno lontano dalla propria casa, e si affida così alle cure improvvisate di un contadino, poco incline alle relazioni, soprattutto a quelle con i bambini. I due devono imparare a conoscersi, e a comprendere le esigenze l’uno dell’altro. Le figure del clown e del contadino rappresentano due mondi diametralmente opposti: da un lato quello adulto, concreto, fatto di terra e di ritmi che si ripetono, e dall’altro l’universo bambino di gioco e di scoperta in cui tutto è possibile. Lo spettacolo vede in scena un padre, attore professionista, con suo figlio, un bambino di sette anni. In un lavoro senza parole, indagano sulle relazioni di scambio fra due generazioni, annullando la dimensione verticale di processo educativo, a favore di un ascolto reciproco capace di costruire una relazione profonda. La vitalità del teatro attinge qui ad una relazione pura e significativa come quella tra padre e figlio, e l’abbandono della parola permette al percorso emotivo di irrompere sulla scena, in uno spettacolo curato, delicato e ricco di vita. La sua visione rimanda alla tenerezza e il divertimento de Il Monello, le impertinenze di Pinocchio e Geppetto, le scoperte di Little Nemo, in forma di antologia e sana dedica all’immaginario collettivo.


SABATO 1 FEBBRAIO – ore 16.00 – Teatro del Popolo – Colle di Val d’Elsa

Studio Ta-Daa!

“L’OMINO DELLA PIOGGIA  una notte tra acqua, bolle e sapone”

di e con Michele Cafaggi  musiche originali Davide Baldi regia Ted Luminarc

 “La Fantasia è un posto dove ci piove dentro” I. Calvino

 Piove, la finestra è aperta e in casa ci vuole l’ombrello. Che strano questo omino tutto inzuppato: fa uno starnuto ed esce una bolla di sapone. Anzi due. Anzi moltissime bolle di sapone. Ma cosa succede? La casa si riempie di bolle di tutte le dimensioni, minuscole e giganti, schiumose e trasparenti come cristallo. Intanto la pioggia non smette di cadere. E tra poco scenderà pure la neve. Ecciù! Torna a grandissima richiesta Michele Caffaggi con “l’Omino della Pioggia” uno spettacolo comico e magico, un viaggio onirico e visuale accompagnato dalla magia delle piccole cose e da spettacolari effetti con acqua e sapone.

Uno spettacolo magico, per un pubblico di qualsiasi età e raccomandato assolutamente per i bambini!

Michele Cafaggi è un raffinato Mago delle Bolle Italiano. Il suo lavoro è il frutto di una meravigliosa mescolanza di classica clownerie e giochi con le bolle, una cacofonia di sapone e leggerezza. Accompagnato dalle Musiche originali di Davide Baldi. 


SABATO 8 FEBBRAIO – ore 16.30  –Sala La Ginestra – via Trento 80  – Poggibonsi

Kosmocomico Teatro

“CATTIVINI – Cabaret concerto per bimbi monelli”

Musiche, canzoni, testo e regia Valentino Dragano, dipinti Silvia Vailati

“………Per ogni emozione c’è una canzone, per ogni emozione c’è uno strumento: l’Armonica a bocca, l’Ukulele, il Pianoforte, la tromba, il Sax, perfino la batteria, che, in piccolo formato, fanno la loro bella figura sul palco (..) Gioia, rabbia, felicità, si rincorrono a suo di musica, trasmettendola non solo al pubblico di riferimento, ma anche noi adulti”

 

Cattivini vuole essere un omaggio in forma di concerto, a quella fondamentale e vitale pulsione infantile che tutti conosciamo: la monelleria, il sovvertimento delle regole, la naturale inclinazione a sbagliare per imparare. Le canzoni di questo concerto rispecchiano lo sguardo dei bambini sul mondo, sugli argomenti urgenti per un animo piccino e su quelli più frivoli ed evanescenti, ma non per questo meno importanti. Tutto questo per svelare le emozioni, sia quelle forti che un po’ spaventano, sia quelle che ci fanno divertire e stare bene. Canzoni piene di humor, di non-sense, di geniali trovate, proprio come i bambini sanno fare! Anche gli adulti riconosceranno sé stessi, le proprie comiche nevrosi, i propri tic e rideranno anche loro. Anzi, rideremo tutti insieme. E canteremo. E se proprio ci verrà voglia, balleremo fino all’ultimo giro di musica. Per ricordarci che siamo qui per celebrare la vita giocando, e non c’é regola che tenga.  Buon divertimento (N.d.R.)

posti limitati si consiglia la prevendita


Sabato 29 febbraio ore 16.30 – Teatro Politeama Sala Minore

Gek Tessaro

“I BESTIOLINI”

teatro disegnato per bambini dai 3 anni

 

testi e immagini Gek Tessaro– regia Gek Tessaro e Lella Marazzini

 

La danza sgangherata dei molesti ma tenerissimi abitanti dei prati  “Non abbiamo in bocca le tue stesse parole Ma a riscaldarci è lo stesso sole La stessa acqua a dissetarci. Siam bestiolini cosa vuoi farci? Eccoci qua, siamo gli insetti In verità assai piccoletti Ma la statura è uno strano affare Avvicinati e grandi ci farai diventare. Il più piccino di voi bambini È gigantesco per noi bestiolini Se lo vediamo la cosa è sicura
Tremiamo di spavento, tremiamo di paura. “

Dall’omonimo libro edito da Panini prendono vita storie di insetti e di altri piccoli abitanti del prato. La narrazione è allegra e giocosa, tenera talvolta, semplice tanto da essere adatta ad un pubblico anche di piccolissimi, ma ricca al contempo di spunti di riflessione su temi molto impegnativi.

Gli spettacoli di Gek Tessaro consistono nella narrazione di alcune storie originali dell’autore e illustratore di libri per bambini. I racconti si “animano” mediante l’utilizzo della lavagna luminosa. Nella grande magia della suggestione data dal buio, la lavagna luminosa proietta le immagini ingigantendole. Queste, per la maggior parte, vengono realizzate sul momento. Con tecniche diverse: acrilico, collage, acquarello, inchiostri e sabbia, si sviluppano così scenografie bizzarre, divertenti e poetiche. Costruzioni effimere che vivono, crescono e si concludono con la fine del brano.

posti limitati si consiglia la prevendita

 


INFO  : FB Timbre Poggibonsi  info@timbreteatroverdi.it

Può anche interessarti...